La pandemia pregiudica la salute riproduttiva delle donne

La pandemia di Covid-19 ha compromesso la fertilità di molte donne, rendendole bisognose di supporto medico e psicologico. Secondo un recente studio degli endocrinologi della scuola di medicina del Trinity College di Dublino è stata evidenziata la necessità di fornire un adeguato supporto alla salute mentale delle donne affette da disturbi mestruali, dato il carico psicologico senza precedenti associato alla pandemia. Questo è il primo studio che dimostra che le donne continuano a soffrire di disturbi riproduttivi un anno dopo l’inizio della pandemia. Infatti, lo stress non solo determina disturbi del sonno delle donne, influenzandone negativamente la fertilità, ma può influenzare l’omeostasi ormonale femminile determinando le alterazioni mestruali, spesso associate anche ad un incremento del peso corporeo per aumento del grasso addominale; tutte queste sono situazioni secondarie alle condizioni post-traumatiche da stress pandemico che a sua volta è causa di disfunzione mestruale.

In questo studio era incluso anche un sondaggio su condizioni di depressione, ansia e qualità del sonno. Secondo tale sondaggio il 56% delle intervistate ha riferito modifiche nel ciclo mestruale dall’inizio della pandemia; infatti, rispetto al periodo precedente la pandemia, le donne riferivano significativi aumenti della menorragia, della dismenorrea e dell’amenorrea. Infine, il 64% delle donne ha riferito un peggioramento dei sintomi premestruali e il 54% delle stesse una riduzione della libido. Inoltre, dal sondaggio (fonte: Endocrine Abstracts, 2021:77 P234) è emerso un significativo aumento dei tassi di depressione grave, ansia e insonnia.

Alla luce di questi dati sarebbe opportuno incoraggiare le donne che soffrono di disturbi riproduttivi a consultare l’adeguato intervento sia endocrinologico sia ginecologico, da parte di un pluri-specialista endocrinologo e ginecologo, per il consiglio più appropriato in merito alla diagnostica e terapia delle modificazioni ormonali e metaboliche, secondarie alle condizioni post-traumatiche da stress, che compromettono la salute riproduttiva.

Post Correlati