Cellulite: come affrontarla - parte 2°

La cellulite occupa sempre i primi posti nelle preoccupazioni estetiche femminili. Nonostante sia un problema molto conosciuto suscita ancora molti interrogativi riguardanti l’origine e la strategia più efficace per affrontarla.

Come affrontare la cellulite

Essendo un problema a genesi multifattoriale per contrastare la cellulite bisogna agire su più elementi. L’attività fisica regolare è molto importante per migliorare la circolazione e contrastare l’accumulo di tessuto adiposo. Camminare a passo sostenuto, pedalare, nuotare e praticare sport aerobici è ideale per stimolare il ritorno venoso e favorire l’eliminazione dei ristagni idrici, ma non basta. Per quanto riguarda l’alimentazione, è indispensabile seguire uno stile di vita adeguato e ridurre drasticamente il sale, che favorisce la ritenzione idrica, limitando anche insaccati, alimenti ricchi di zuccheri semplici e grassi saturi, alcool e bevande zuccherine che favoriscono la stasi linfatica e l’accumulo di liquidi.

La derivazione etimologica, dal latino e dal greco, della parola dieta è «stile di vita». Questa parola intendeva, quindi, un armonico equilibrio tra un’alimentazione corretta e piacevole e uno stile di vita dinamico con dispendio energetico proporzionato all’introito calorico. In età moderna a questa parola si è spesso sono associata una connotazione negativa, intesa come sacrificio e restrizione alimentare. Occorre invece rifarsi all’origine antica del termine e identificare la dieta come un percorso e non un momento di svolta troppo repentina, altrimenti la terapia nutrizionale sarà una modificazione temporaneamente ristretta, risultando del tutto inefficace.

Risulta, quindi, utile e necessario che la paziente venga scrupolosamente seguita da un endocrinologo, lo specialista che possiede l’adeguata conoscenza delle modificazioni metaboliche indotte dalla dieta e dai possibili effetti collaterali verificatisi. Quindi, una corretta alimentazione risulta fondamentale in associazione alle altre indicazioni. Utilissimo risulterà bere molta acqua – almeno due litri al giorno – depurando l’organismo. I cosmetici anticellulite non fanno miracoli, ma possono migliorare l’idratazione e l’elasticità della cute, soprattutto, se associati ad un massaggio drenante, che stimola il microcircolo linfatico aiutando il corpo a liberarsi da scorie e liquidi in eccesso.

Buoni risultati si possono ottenere con tecniche medicali che consentono di facilitare la ricompattazione dei tessuti cutanei e migliorarne la microcircolazione, il trofismo e l’idratazione. Tra queste la mesoterapia è una tecnica di micro-iniezione convenzionale ingiustificatamente considerata da alcuni come una vecchia pratica, non innovativa perché scomoda al commercio del farmaco basato sulla speculazione quantitativa.

Diffusa oggi in tutto il mondo, la mesoterapia è uno stratagemma ecologico per utilizzare farmaci di provata efficacia sia nella terapia antalgica sia in medicina cosmetica, sempre più applicata con cura e meticolosità da chi vuole coniugare longevità, salute e aspetto giovanile. La cellulite, infatti, è tra le sue indicazioni dominanti in tale campo. La mesoterapia lipolitica, altresì, riduce il pannicolo adiposo svuotando e rimpicciolendo gli adipociti che in alcune sedute perdono oltre la metà del loro volume modificando gradualmente la silhouette. In una visione più armoniosa, multi-specialistica e non parcellizzata, tale tecnica se eseguita in un centro medico ultra-specialistico ad indirizzo endocrino-metabolico e ginecologico permette risultati ottimali e brillanti.

Infatti, questa è una delle terapie che con i nuovi farmaci e con le nuove tecniche iniettive, come la micro-mesoterapia, rappresenta uno dei protocolli in assoluto più performanti, restando in quell’ambito di sicurezza che difficilmente si ritrovano in tecniche lipolitiche più recenti, spesso troppo aggressive per la fisiologia del tessuto.

Post Correlati